11 - Grosseto e le colline del Morellino in MTB

9 fiab grosseto morellinoLunghezza: 46 km
Altimetria: 615 mt
Tipo di fondo: asfalto, sterrato
Percentuale sterrato: 28%
Difficoltà: medio
Bici consigliata: mountain bike, gravel, e-mtb

Il percorso:

Uno spettacolare percorso panoramico che parte dal piccolo borgo medievale di Istia d’Ombrone e si snoda oltre la sponda sinistra del fiume Ombrone, nella zona di produzione del rinomato Morellino di Scansano: da un lato la costa, con i “poggi” dell’Uccellina e il Parco della Maremma, dall’altro i Monti Amiata e Labbro. Un dedalo di stradine secondarie a fondo asfaltato e sterrato accompagneranno le ruote “grasse” della mountain bike tra i campi stracolmi di olivi e viti. Requisiti indispensabili: una bici con rapporti e freni adeguati ad affrontare brevi ma frequenti cambi di pendenza e di fondo, ed un GPS per seguire la traccia. La Strada Provinciale 16 Montiano è inserita nell’itinerario a lunga percorrenza Bicitalia 19 – Ciclopista Tirrenica.

Per saperne di più: dettagli sull’itinerario

(revisione 2021)

L’itinerario inizia da Istia d’Ombrone, insediamento medievale fortificato, feudo degli Aldobrandeschi, che si erge su un colle che sovrasta la riva destra del fiume Ombrone. Le mura del IX secolo – conservate in parte – proteggevano il borgo da attacchi esterni, vista l’importanza strategica del sito. I principali punti d’interesse di questo antico borgo sono la Porta Grossetana, che guarda a occidente, la chiesa romanica di San Salvatore all’interno della quale sono conservate alcune interessanti opere del XV secolo, e la porta orientale della Portaccia.

Il km 0 di questo itinerario è posto alla Porta Grossetana, da via del Peruzzo si esce su SP 159 Scansanese, che si abbandona girando a destra sulla SP 30 Sante Mariae una volta oltrepassato il ponte sul fiume Ombrone. Si prosegue sulla SP 30 per poco più di 1 km e all’apice di un’ampia curva a destra si gira a sinistra sulla strada vicinale di Val di Rigo (km 2,500). Il primo tratto della strada vicinale è asfaltato, ma al km 4,300 cambia fondo. La traccia del GPS lascia l’asfalto, attraversa il guado del torrente Val di Rigo (attenzione, il fondo potrebbe essere scivoloso dopo la pioggia) e si inerpica per un sentiero a fondo naturale puntando verso Poggio al Vento (km 5,33). Seguire la traccia è facile, la pendenza non supera il 9% e una volta a Poggio al Vento si ritrova l’asfalto di via del Poggio. Seguendo il vallonato nastro d’asfalto di strada dello Scopetone si raggiunge la SP Sante Mariae, a sinistra per pochi metri e subito si rientra su una strada secondaria che ci conduce al guado del fosso Grillese, piccolo affluente dell’Ombrone. Oltrepassato il guado, ci si immette sulla SP 79 di Poggio La Mozza. Poco meno di 500 mt e si lascia la provinciale per la Strada Comunale Grillese 1. La traccia sale ora tra i bellissimi vigneti e al km 11,500 l’orizzonte si apre sui poggi dell’Uccellina, con la linea di costa ben delimitata e le isole dell’arcipelago toscano all’orizzonte. Incrociata la SP 16 di Montiano, la traccia gira a sinistra ed esce dall’asfalto per immettersi, attraverso un breve raccordo sterrato parallelo alla SS1 Aurelia, sulla sinuosa e ondulata Strada di Vallemaggiore. Al km 17,8 nuovo cambio di direzione e di fondo: si torna sullo sterrato per qualche chilometro risalendo il crinale che si inoltra nella campagna delimitato da alte siepi di rovo, che da agosto a settembre si riempiono di gustose bacche di mora. 

Lo sterrato termina all’incrocio con la SP 16 (km 20,7); lo ritroveremo sulla strada del Bronzone, dopo aver percorso 2 km della Strada Provinciale in direzione Grosseto (km 22,6).

Al km 24, la traccia lascia la sterrata principale curvando decisamente a sinistra verso il centro di un grande anfiteatro naturale immerso tra i vigneti, dove un monolite di pietra delimita la sponda di un laghetto artificiale. Sarà piacevole sostare in questa valle incantata, dove il paesaggio si fa arte. Il percorso continua sulla bella strada di Montebottigli che sale, tra una fila di cipressi, per poi scollinare sulla strada comunale Grillese 1. Al km 29,300 ritroviamo la SP 79, che chiude il primo dei due anelli che compongono questo l’itinerario. Per intraprendere il secondo anello dovremo risalire la SP 79 per 1 km, deviare sulla Strada Comunale di Poggio alla Croce e superare un secco “muro” di circa 1 km con pendenza oltre il 10%. Una volta scollinati al km 34,2 si rientra per poche decine di metri sulla SP 79, per poi seguire, a sinistra, la strada comunale che ci riporta verso la Piagge del Maiano e la valle dell’Ombrone.

Attenzione alla ripida discesa che tra il km 36 e 37 supera la pendenza del 10%. Al km 37,200 si gira a sinistra seguendo il corso del torrente Maiano, che scorre alla nostra destra. Al Km 41 ritroviamo la SP 159 Scansanese e dopo poco più di 1 km arriviamo alla fine del nostro percorso attraversando di nuovo l’Ombrone al ponte di Istia.

 


Altitudine minima
12 m
Distanza totale
46.09 km
Altitudine massima
154 m
Tempo totale
29d 16h 36m 35s
Dislivello Totale
796 m
Punti di interesse
0
Total Elevation Loss
806 m
Punti del percorso
697
Velocita' massima
8.2 m/s
Indicazioni stradali
0
Velocità media
0 m/s
Valori non disponibili nel file possono essere visualizzati a 0.

Questo percorso e' stato scaricato 167 volte(a).

Accedi all'Area Riservata o Registrati per scaricare la traccia
google
600px
http://{s}.tile.openstreetmap.org/{z}/{x}/{y}.png
© OpenStreetMap contributors
Distanza: {0} {2} Altimetria: {1}
Distanza: {0} {2} Velocita': {1}
Distance: {0} {2} Heart Rate: {1}
Distance: {0} {2} Cadence: {1}
https://www.fiabgrosseto.it/media/com_gpstools/markers/02marker.png
https://www.fiabgrosseto.it/media/com_gpstools/markers/default.png
#0000FF
#0000FF,#c1392b,#ffbe00,#2d3e50,#27ae61,#74065f,#2998d8
0
2
50
google.maps.MapTypeId.TERRAIN
1
1
1
1
1
1
1
google.maps.ZoomControlStyle.DEFAULT
google.maps.MapTypeControlStyle.DEFAULT
Distanza
Altimetria
Velocità
Frequenza cardiaca
km
mps
m
km
Miglia
m
ft
mile/hr
ft/sec
km/hr
m/s
/index.php?option=com_gpstools&task=rating.rate&id=15&format=json